La ginnastica perineale

E’ particolarmente utile per sopperire al peso del bambino sulla vescica durante ed evitare problemi di perdite e prolasso dell’utero dopo il parto. Sembra, inoltre, che favorisca un parto.
Aumentare la circolazione del sangue nella zona rettale, pe con meno dolore e riduca persino il rischio di emorroidi.
La ginnastica perineale per aumentare il piacere sessuale Gli esercizi perineali sono essenziali per tonificare i muscoli vaginali così da permettere all’uomo e alla donna di provare un maggior godimento nell’atto sessuale.
Ciò vuol dire migliorare significativamente la qualità della vita della paziente.
Incontinenza urinaria e non solo Incontinenza urinaria, emorroidi, prolasso uterino sono per le donne disturbi più frequenti di quanto non si pensi, specialmente dopo una gravidanza. Gli esercizi perineali di Kegel sono fondamentali per evitare problemi di salute fastidiosi quanto imbarazzanti per la normale vita sociale.

Ginnastica perineale in menopausa Non solo la gravidanza e il peso del bambino comportano delle modifiche al pavimento pelvico. La ginnastica vaginale è utilissima anche con i cambiamenti ormonali della menopausa che parimenti comportano perdita di flessibilità, atrofia e ipotonia.
Certo, contano anche fattori ereditari (due donne su dieci hanno un’innata debolezza dei muscoli pelvici), ma abitudini quotidiane, ritenzione urinaria, indossare vestiti stretti, suonare strumenti a fiato, fattori come obesità, stitichezza, tosse cronica, stress e altri possono influenzare il problema e peggiorare l’incontinenza.

Gli esercizi di ginnastica perineale Partiamo dal riconoscere il muscolo interessato. Il modo più semplice per riconoscere il muscolo perineale è urinare fermandosi a intervalli. Se farlo non comporta sforzo, è buon segno: significa che si hanno forti muscoli pelvici. Un altro sistema è quello di inserire un dito pulito nella vagina e cercare di stringere. Provate a ripetere le contrazioni molte volte al giorno possibile, partendo da 50 per arrivare a 300 al giorno.
Una volta individuati i muscoli, puoi fare gli esercizi di Kegel quando e dove vuoi tu, perchè nessuno sa che stai facendo! Se dopo aver eseguito gli esercizi si accusano stanchezza e dolori alla muscolatura della schiena o all’addome, significa che stiamo lavorando su addominali, schiena, cosce e glutei. Correggiamo l’esercizio. Cercate di rilassarvi e contraete solo i muscoli del pavimento pelvico. Per vedere miglioramenti occorrono alcune settimane, ma ne vale la pena.

Ginnastica perineale dopo il parto Se avete appena partorito, è molto importante che i muscoli del perineo siano pienamente recuperati prima di qualsiasi esercizio. Verificate con il proprio medico se siete pronte per cominciare a fare un po’ di esercizio fisico leggero dopo la nascita.

Gli esercizi di Kegel

1) Lentamente, stringere i muscoli, come per interrompere la minzione, quindi rilasciare cercando di tenere un conteggio di 5 secondi in entrambe le fasi respirando piano. Ripetere per 10 volte. Pian piano si può aumentare il tempo di contrazione e rilassamento fino a raggiungere i 20”.

2) Rapidamente, stringere e rilassare i muscoli il più velocemente possibile per 2-3 minuti o fino a quando non ci si stanca. Iniziare con 10 ripetizioni quattro volte al giorno per raggiungere le 50 ripetizioni al giorno.

3) L’ascensore
Questo esercizio richiede un po ‘di concentrazione, ma i risultati sono molto buoni. La tua vagina è un tubo muscolare con sezioni a forma di anello disposte una sopra l’altra. Immaginate che ogni sezione sia un piano di un edificio, e che ci sia un ascensore che va su e giù. Cercate di sentire tutti i piani, focalizzandovi sul percorso.