Training Autogeno

Autogeno Respiratorio (RAT, l’acronimo di “Respiratory Autogenic Training”) è la metodologia che risponde meglio alle esigenze di rilassamento durante il parto
Utilizza tecniche di respirazione ed autosuggestione che sciolgono la tensione emotiva e muscolare legata a tutte le situazioni stressanti.
Durante il travaglio gli esercizi sono preziosi per attenuare le sensazioni dolorose e per coordinare lo sforzo espulsivo con la funzione respiratoria in modo da consentire un buon recupero fra una contrazione e l’altra.

… come funziona?

Il corpo umano è costituito da due tipi di muscolatura, uno a fibre lisce e l’altro a fibre striate. La differenza fondamentale tra i due tipi di muscolatura è che la muscolatura rossa, striata, cade sotto il controllo del sistema nervoso centrale e, dunque, si contrae o si rilascia secondo comandi volontari che provengono dal cervello. La muscolatura liscia, invece, è indipendente dalla volontà e si comporta autonomamente in quanto è regolata dal sistema nervoso neurovegetativo simpatico e parasimapatico, responsabile di tutte le funzioni organiche automatiche.
La medicina psicosomatica ha evidenziato lo stretto rapporto tra emozioni e organi a muscolatura liscia.
Anche l’utero è costituito da fibre muscolari lisce, le quali risentono dello stato psicologico della donna.
Seguendo il RAT potrete eliminare l’ansia attraverso la quiete psichica raggiungendo un buon equilibrio del sistema neurovegetativo.
Lo stato psichico indotto dal RAT è molto simile a quello del sonno crepuscolare, quando non siete completamente sveglie né addormentate
La quiete motoria che si stabilisce durante il training autogeno nei muscoli striati degli arti e di tutto il corpo si estende ai muscoli del perineo coinvolgendoli nel rilassamento.
Gli esercizi consentono di coordinare lo sforzo espulsivo con la funzione respiratoria consentendo un buon recupero fra una contrazione e l’altra. Il RAT lascia la più completa autonomia per condurre da sole la vostra esperienza permettendovi una maternità protagonista e consapevole.
Il metodo RAT non propone la negazione del dolore nel parto ma la sua riduzione, basandosi sulla tendenza che ha la tensione ad attenuarsi durante il rilassamento, può essere utilizzato per tutto il corso della vita come strumento psicoterapico per risolvere stati di malessere psicosomatico quali l’insonnia, l’eccitazione, la cefalea e dolori di differente natura.

… come si impara?
Il metodo RAT di preparazione al parto prevede sette esercizi che vi consentono di affrontare il parto nelle su fasi, inducendo uno stato simile ad una leggera trance ipnotica con rilassamento di tutta la muscolatura e quiete psichica.
Questo stato nella terminologia usata nel training autogeno viene definito “deconnessione”.
Dovrete praticare gli esercizi in un ambiente tranquillo, senza disturbi esterni, a temperatura media e poco illuminato.
L’abbigliamento sarà il più possibile comodo così come la posizione che assumerete.